Archivio mensile:settembre 2015

RENZI NON VUOLE IL REDDITO DI CITTADINANZA

Chat

11222183_10206723458878640_8701957843858435137_n

Renzi ci ha risposto sul Reddito di cittadinanza. Dopo mesi di latitanza abbiamo preteso una sua presa di posizione chiara sulla nostra proposta.

Ebbene, oggi Renzi ha detto NO al Reddito di cittadinanza.

Renzi sostiene che per combattere la povertà, la strada più percorribile sia l’aumento dell’occupazione.

Tuttavia il suo è un evidente depistaggio perché:

1 – Come dichiara l’Istat e concordano tutti gli esperti, il reddito di cittadinanza rilancerebbe l’economia -per la ripartenza di consumi altrimenti impediti-, e quindi anche le imprese che ricomincerebbero ad assumere….

2 – Il Reddito di cittadinanza ed il percorso per ottenerlo è strettamente collegato alla ricerca del lavoro, tant’è che vien concesso solo se si accetta di lavorare almeno 8 ore a settimana per la comunità di appartenenza o se si èimpegnati in attività formative.

3 – Renzi sostiene che non ci sia bisogno del Reddito di cittadinanza da noi proposto perché l’occupazione sta crescendo! Peccato che il tasso dei giovani disoccupati dai 15 ai 24 anni è risalito al 40,7% e l’incremento degli occupati dipende in gran parte dall’attivazione di nuovi contratti a termine, non stabili.

4 – Renzi forse non sa che oggi, anche lavorando, si scivola nel baratro della povertà poiché i salari e gli stipendi netti subiscono dinamiche al ribasso indotte dall’eccesso di domanda di lavoro rispetto all’offerta.

Cari italiani, l’unica speranza che resta per ridare dignità al Paese istituendo anche noi un Reddito di cittadinanza è quella di un Governo 5 Stelle, mandando a casa chi sostiene che non ce ne sia bisogno.

Nicola Morra

Annunci

IL M5S HA DENUNCIATO RENZI PER IL VOLO A NEW YORK CON I SOLDI DEI CITTADINI

Chat

12027578_766468846812668_8742699516324743008_n

12004124_760574680721265_1287362396910911238_n

12039446_761598997285500_4439124853615884778_n

12036564_761040224008044_9129468171032550857_n

La competizione era un traguardo importante per lo sport italiano, ma per la Costituzione a rappresentare l’Italia non è il Presidente del Consiglio, bensì il Presidente della Repubblica.

In pratica un biglietto per gli spalti degli US Open a Matteo Renzi a noi italiani ci è costato 150.000 EURO, mi sembra davvero un’assurdità e uno SPRECO di risorse pubbliche, soprattutto in un momento in cui agli italiani vengono chiesti sempre più SACRIFICI per far “ripartire” l’Italia.

Per questo ho presentato un esposto alla Corte dei Conti sull’utilizzo da parte di Renzi dell’AEREO DI STATO (pagato con SOLDI PUBBLICI) per guardare la finale di tennis tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci.

La finale degli Us Open tra l’altro è una competizione sportiva che mette in palio un premio in denaro e a cui gli atleti partecipano singolarmente come PRIVATI cittadini e non, quindi, in rappresentanza del Paese di provenienza.

Renzi ha IGNORATO inoltre la direttiva della presidenza del Consiglio dei Ministri del 23 settembre 2011 in merito ai “criteri di economicità e impiego razionale delle risorse, previa rigorosa valutazione dell’impossibilità, dell’inopportunità o della non convenienza dell’impiego di differenti modalità di trasporto”.

Il fatto che fosse chiaramente possibile raggiungere agevolmente e in tempi certi la città di New York, sede del match, con un VOLO ORDINARIO DI LINEA è dimostrato dalla circostanza che persino il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, aveva già provveduto a prenotare il viaggio su un volo di linea (prenotazione disdetta una volta invitato da Renzi a usufruire del volo di Stato).

MANCAVANO quindi tutti i requisiti e i presupposti che avrebbero potuto legittimare e consentire il volo di Stato effettuato dal Presidente del Consiglio.

Ho chiesto quindi alla Corte dei Conti di accertare la sussistenza di ILLECITI contabili e/o penali nei fatti denunciati, individuando le eventuali responsabilità di tutti i soggetti coinvolti nei confronti dell’erario e della collettività.

Potete leggere l’intero esposto a questo link:
http://andreacolletti.it/…/abbiamo-denunciato-renzi-per-il…/

Andrea Colletti

Paga le Tasse Comunali con ore di lavoro, questo è il Baratto Amministrativo

Chat
Paga le Tasse Comunali con ore di lavoro, questo è il Baratto Amministrativo

Ed in fine ci siamo, il Movimento Cinque Stelle Valsamoggia è lieto di poter invitare tutti a partecipare, per la prima volta, alla stesura di un regolamento comunale, con l’intento che diventi uno strumento più condiviso possibile.
Tutti i residenti in Valsamoggia maggiorenni possono partecipare alla compilazione; il sondaggio è anonimo; è composto da otto domande chiave che comporranno gli articoli del regolamento, contiene inoltre dei dati che ci permetteranno, incrociati con i dati demografici del comune, di fare in seguito delle valutazioni per approfondire e migliorare l’efficacia dello strumento.
Prendetevi quindi 5 minuti di tempo per partecipare ad uno strumento che potrà essere di aiuto a molti concittadini. Il termine del questionario è il 4 ottobre prossimo (lo proroghiamo nel caso ci sia molta partecipazione). Al termine pubblicheremo i risultati su tutti i nostri canali allegando anche la bozza del regolamento da sottoporre alla commissione atti normativi.
Oltre a partecipare al questionario lasciateci anche i vostri commenti su questa iniziativa con dei post e…… ricordate:

oggi poter partecipare non è così scontato!!!

Grazie di cuore a tutti.

 CLICCA QUI > COMPILA IN QUESTIONARIO !

Leggi il resto di questa voce

CI MANCAVA LA MARCHETTA ELETTORALE DA RENDICONTARE ….

Chat

10422072_886646468093020_8970577567322917492_n

Gli stipendi degli insegnanti sono bloccati da anni e al governo, dopo una riforma scuola folle, si illudono di riconquistare il voto dei prof con 500 euro una tantum in busta paga.

Ma il bello è che pretendono pure la rendicontazione della mancia, altrimenti bisognerà restituirla l’anno prossimo.

La pretendono proprio loro che continuano a mangiare decine di milioni di euro di finanziamenti pubblici, senza controlli di bilancio (è la prima cosa di cui si sono preoccupati dopo l’estate, con un emendamento del neorenziano Boccadutri).

Proprio loro che vogliono cambiare il Senato per mettere al sicuro indagati e condannati nelle Regioni, quelli delle spese pazze delle varie Rimborsopoli.

Il rendiconto devono farlo i partiti ai cittadini, non il contrario. E lo faranno, fino all’ultimo euro.

Gianluca Castaldi

IL PARLAMENTARE CHE TI SERVE: DI MAIO E TANTI ALTRI A SAN LAZZARO VENERDI’ SERA !!!

Chat

12036741_10154225202568696_4750847865839545709_n

Da questo venerdì, in tutta Italia, molti di noi serviranno di nuovo pizze in tavola per finanziare l’evento “Italia 5 Stelle”.
Si chiamano “il parlamentare che ti serve” e sono iniziative che contribuiranno al nostro evento nazionale di Imola del 17 e 18 ottobre.
Io sarò vicino Bologna il 25 settembre al Ristorante “il Capriccio” di San Lazzaro di Savena dalle 20:30: voi mangerete la pizza, io ve la servirò.

Ad ‪#‎italia5stelle‬ dimostreremo ancora una volta che in questo Paese si può fare politica senza finanziamento pubblico, senza gravare sulle tasse dei cittadini. Abbiamo già raccolto in poche settimane oltre 100.000 euro di vostre donazioni. Nell’Italia che vogliamo, i partiti li finanzia chi ci crede.

Se vuoi saperne di più clicca qui http://goo.gl/e5H7bO

Luigi Di Maio