Archivi tag: neve

IL MOVIMENTO 5 STELLE DELLA VALSAMOGGIA ORGANIZZA DUE GIORNATE DI PULIZIA DOPO LA NEVICATA

Standard

BodyPart
per contribuire a rendere più bello e più sicuro il nostro Comune dopo la nevicata
di due settimane fa che ha creato grandi disagi e ha abbattuto grossi rami e interi alberi un po’ dappertutto.
 
Visto che l’Amministrazione con Delibera Giunta ha autorizzato tutti i cittadini che abbiano intenzione di raccogliere la legna caduta sia in aree pubbliche che private senza ulteriori permessi, abbiamo il VIA LIBERA per mettere in pratica la nostra iniziativa.
 
UNITEVI A NOI
Annunci

SCUSA RUSCIGNO, MA NON GOVERNA DAPPERTUTTO IL PD?

Standard

FullSizeRender-6

NEVE, SINDACI IN RIVOLTA: “SIAMO ALL’ANNO ZERO DELLA MANUTENZIONE”

Stremati da nevicate, black out e cittadini inferociti dai disservizi, i sindaci metropolitani alzano bandiera bianca: “Così non possiamo andare avanti, mancano le risorse per riparare i danni. Le casse della Città metropolitana sono vuote”. L’allarme fondi lo lancia Daniele Ruscigno, primo cittadino della Valsamoggia, che assieme ai colleghi da giorni fa i conti con l’hinterland messo in ginocchio dalle nevicate. “Il bilancio è drammatico e il calcolo dei danni è solo all’inizio”.

Dai primi fiocchi di neve è passata una settimana “e siamo in alto mare, con linee e pali della luce ancora a terra”. Nel suo mirino non c’è solo l’Enel, finita nella bufera per i black out. Il sindaco mette in fila, “oltre ai disagi alla popolazione”, le altre urgenze da tamponare: migliaia di alberi caduti e buche nelle strade. Per metterci una pezza, però, servono risorse, che al momento mancano: la Città metropolitana “ha le casse vuote. Il bilancio 2015 è, di fatto, azzerato. Chiediamo al governatore Bonaccini un intervento straordinario”.

I sindaci entro venerdì spediranno a viale Aldo Moro l’elenco delle spese sostenute: “Il conto è già di svariati milioni”. La prima mossa sarebbe riparare le strade. Ma Ruscigno è netto: “Al momento non si può spendere un euro”. Nel frattempo, si moltiplicano le class action contro Enel. Dopo sindaci e imprese, tocca alle associazioni dei consumatori che puntano a ottenere risarcimenti per i “forti disservizi della rete elettrica”.

La Repubblica – edizione di Bologna, 12 febbraio 2015