Archivi tag: Scuola

E vissero tutti felici e contenti….

Chat

12512492_833550620090337_6880717315061708331_n

Annunci

Coperti di vergogna #statue

Chat

CZvcIKVWAAABIJW

CZzWIRcWcAAd3Z6

12645082_955835017839403_6278413788727378185_n

Hanno coperto le opere d’arte ai musei capitolini e hanno coperto l’Italia di vergogna. Magari fosse solo servilismo nei confronti del presidente dell’Iran Rohani, qui è completa mancanza di cultura da parte di un esecutivo che l’ha completamente ignorata o massacrata, vedi la riforma della scuola. Barbari. Chi risarcirà gli italiani di questa figuraccia a livello internazionale riportata da tutti i giornali stranieri? L’ebetino e Franceschini dicono che sono state coperte a loro insaputa. Andrebbero sfiduciati stasera stessa solo per questo. Incompetenti.
Quelle statue sono il nostro orgoglio, la nostra storia, l’Italia è il Paese dell’arte e dovremmo cogliere ogni occasione di risonanza internazionale per metterla in mostra, altro che nasconderla. A Roma per mostrare rispetto agli ospiti (e ai residenti) bisognerebbe eliminare mafia capitale, che è nata e ha prosperato grazie al Pd, invece ogni giorno i turisti vengono abbandonati tra degrado, monnezza, ladruncoli e cacca di uccelli.
Barbari, incompetenti e pure ipocriti.

Il nuovo bluff del Bomba

Chat

CUwXK-_WcAAtwiL

Ieri la denuncia del Blog sul nuovo tentativo di compravendita del voto, questa volta dei giovani che compiranno 18 anni nel 2016, da parte del premier con unbonuscultura” di 500 euro si è diffusa in Rete grazie all’indignazione dei ragazzi. Il nuovo bluff del Bomba che vuole pagarsi la campagna elettorale delle comunali 2016 con i nostri soldi è stato scoperto. Se il governo vuole incentivare la cultura, abbassi le tasse universitarie che sono le più alte d’Europa, come proposto dal M5S di modo che a tutti i giovani sia garantito il diritto allo studio. Di seguito i messaggi in Rete di alcuni ragazzi che non vogliono bonus, ma risposte concrete. Manda il tuo con l’hashtag #A18VotoM5S su Twitter.

“Non ti preoccupare Beppe Grillo… non ci compreranno… Io sono un giovane precario a cui il premier ha dato il ben servito, svalutando il valore della mia tanto sudata abilitazione all’insegnamento (TFA) e precludendomi la possibilità di avere il mio posto di lavoro… A noi precari non hanno dato i 500 euro per l’aggiornamento… A noi non ci spettano… Aspetto con ansia la liberazione da questi arrogantiFrancesco Scordino

“Ho due figli adolescenti e una proprio ad aprile 2016 compirà 18 anni. Ne abbiamo parlato (sempre se arriveranno questi soldi) se vale la pena accettarli. “Sinceramente mamma – mi dice – sono allettanti ma non bastano neppure per comprare i testi per il prossimo anno scolastico (ultimo del liceo classico a cui seguirà università) e non sono certo i 2 concerti ed un entrata al museo che fanno di me una donna istruita“. Perciò ringraziamo il premier dicendogli che non siamo in vendita e che forse é meglio che riguardi la riforma della scuola. Grande la mia ragazza!” Rosa Bulloni

“Nel 2016 compirò 18 anni. Mi potranno dare 500, 1.000 anche 10.000 euro ma non avranno mail il mio voto. 500 euro per vendere la mia vita? Uno scambio di voto con il segretario del Pd è peggio che vendere l’anima al diavolo.” Carlotta

IL M5S FA QUELLO CHE DICE

Chat

12241783_10153307708176545_3217603535915986496_n

“Eccola! Sta prendendo forma.
Palchi, camper, volantini, gazebo, nel 2013 lo Tsunami Tour del Movimento 5 Stelle lo avete finanziato con le vostre donazioni raccogliendo circa 770.000 euro.

Ma quella campagna elettorale – che ha visto classificarsi il Movimento 5 Stelle prima forza poltica italiana con il 25% dei voti – ci è costata soltanto 350.000 euro.
I soldi rimanenti li abbiamo donati al Comune terremotato di Mirandola per costruire la palestra di una scuola.
Fine dei lavori Aprile 2016. Che spettacolo”


Luigi Di Maio

 

SOLO FATTI !!!

Chat

12195005_921303254572888_7068003806181980390_o

Insegnanti e alunni che si improvvisano muratori o imbianchini. Avvocati, poliziotti, richiedenti asilo che diventano angeli del fango. Contadini che diventano soccorritori. Associazioni che ristrutturano scuole. Questo è lo Stato, i cittadini della Provincia di Benevento che si scorciano le maniche per sopperire alla latitanza del Governo Renzi.

I nostri consiglieri regionali oggi hanno fatto la cosa meno eclatante di tutte, hanno fatto soltanto il loro dovere: tramutare le parole in fatti. E per questo sono orgoglioso di loro.
Se dici che stai dalla parte dei più deboli, non puoi assistere ai fatti della provincia di Benevento intascando stipendi da 15 mila euro. O spendendo milioni di euro in auto blu o voli di Stato, perchè non sei credibile.

Non è solo una questione di impegni elettorali, ma di fiducia nelle istituzioni. Quando i ragazzi di questa scuola avranno di nuovo i loro banchi, quando accenderanno di nuovo i loro computer – per studiare grafica 3d, informatica e programmazione – sapranno che quelle strumentazioni sono state acquistate con i soldi di un politico che si è tagliato lo stipendio.
E ricominceranno ad avere fiducia nelle istituzioni.
Anche oggi abbiamo dimostrato che ci si può fidare del Movimento 5 Stelle.

In Italia ci sono circa 900 consiglieri regionali e circa 600 di questi sono nell’area politica del Pd.
Noi in 4 mesi con 7 consiglieri regionali che si sono tagliati lo stipendio, abbiamo messo insieme 105.000 euro. Se quelli del Pd avessero fatto lo stesso in 4 mesi avrebbero restituito circa 10 milioni di euro.
Per non parlare del passato. Quante scuole si sarebbero potute mettere in sicurezza se avessero fatto tutti così negli ultimi venti anni?

I 9 miliardi di euro promessi per il dissesto idrogeologico non sono mai stati erogati, e oltre al danno la beffa: mentre Benevento affogava, quelli del Pd in Senato si stavano votando la legge Boccadutri per intascarsi 45 milioni di euro e nelle stesse ore l’Ethiad stava inviando il nuovo aereo blu alla Presidenza del Consiglio dei ministri che ci è costato 175 milioni di euro.
In regione Campania invece, il Presidente De Luca chiede addirittura di aumentare lo stipendio dei consiglieri regionali perché “sono sottopagati” a suo dire…

Ora la battaglia si sposta in Parlamento. Dopo questo gesto non potranno ignorarci, sarebbe un autogol clamoroso. Da lunedì ci batteremo per far arrivare ai cittadini delle aree colpite da alluvioni, tutti i soldi che gli spettano.
Le persone non ne possono più di parole.
E’ con i fatti che si riconquista la loro fiducia.

Luigi Di Maio