Archivi categoria: Cemento

I CONSIGLIERI M5S DI SAN LAZZARO HANNO CONTRIBUITO A FAR DECADERE IL POC SULLA COLATA DI CEMENTO!!

Standard

Vivere-3-copertina-520x360

AL SINDACO RUSCIGNO E ALLA SUA MAGGIORANZA: IL M5S VOTA ANCHE SI !!!!

Di ritorno da San Lazzaro di Savena dove i nostri consiglieri hanno contribuito a far decadere il POC della località dove la precedente amministrazione comunale aveva portato avanti la progettazione di un nuovo insediamento urbano da tutti definita la “Colata”: circa 700 residenze in una località verde i cui terreni si sono rivalutati in modo spaventoso.

Anche auto blu accorse giusto in tempo per la foto. Le stesse che forse erano posteggiate durante la progettazione di quest‘opera a San Lazzaro di Savena.

Il coraggio di cambiare idea e di ravvedersi che ha bloccato la “Colata” dovrebbe essere ora riprodotto per il Passante Nord, per il People Mover, per Fico, per la Cispadana e tante altre opere inutili, dannose e costosissime che da anni vengono portate avanti, come la “Colata”, da una politica irresponsabile.

Un grazie ai consiglieri M5S di San Lazzaro e ai tanti attivisti che si sono mobilitati. Si sappia che non abbiamo l’abitudine di farci intimorire. Se viene toccato uno di noi vengono toccati tutti.
Grazie Massimo Poggi, Silvia Fava, Fabio Ara, chi c’era sa quanto siete stati coraggiosi. E a chi non c’era lo diremo.

Giulia Gibertoni (candidata presidente M5S Regione Emilia-Romagna)

W LE COOPERATIVE ROSSE…

Standard

16210_10152636988276545_4369012423032845626_n

“Il ponte autostradale sulla Palermo – Agrigento inaugurato a Natale e crollato a Capodanno è opera delle cooperative rosse emiliane, la CCC Consorzio Cooperative Costruzioni di Bologna, e la CMC Cooperativa Muratori e Cementisti di Ravenna. Un lavoro da 13 milioni di euro. La CMC famosa per gli innumerevoli lavori che si è aggiudicata in Italia e all’estero, da EXPO al Tav, e che risulta tuttora indagata per la truffa da 150 milioni di euro per il caso “porto fantasma di Molfetta” insieme al senatore Azzolini NCD (per cui il Senato ha negato l’utilizzo delle intercettazioni ma gli ha approvato l’emendamento per avere altri 10 milioni per il porto di Molfetta, da barzelletta eh!), anche in Sicilia ha vinto tutta una serie di lavori. Dalla metropolitana circumetnea di Catania (139 milioni) all’ammodernamento della strada statale 640 di Porto Empedocle (439 milioni) vantando record di costruzione, tempi e tecnologie: “il cantiere più attivo di tutto il Sud Italia“, “La seconda tbm (fresa meccanica) più grande d’Italia“, “Scavati mille metri in soli 3 mesi“. E anche il ponte in questione si era aggiudicato il suo record personale: “Consegnato 3 mesi prima del previsto.” E adesso se ne aggiunge uno nuovo “Crollato in soli 7 giorni“. Ma potremmo ancora aggiungere “aperto senza collaudo“, oppure “Inaugurato con gioia dall’Anas, che 5 giorni dopo però lo ha chiuso perchè stava già cominciando a sprofondare…