Archivio mensile:giugno 2014

La Corte dei Conti annulla la delibera contro Defranceschi

Chat
La Corte dei Conti annulla la delibera contro Defranceschi

image

“La Corte di Conti alla quale ho fatto ricorso, ha annullato con sentenza resa nota oggi, la delibera che mi imputava l’irregolarità del pagamento anticipato dei due contratti di lavoro, ritenendo che non ci siano i presupposti. Decadono dunque tutte le contestazioni mosse dalla Sezione regionale di controllo della Corte dei conti, compresa la richiesta di restituzione delle cifre. Questa vittoria non è solo mia, ma di tutto il Movimento, che dà prova di essere di una pasta diversa; che dimostra che amministrare con responsabilità, e cura, e soprattutto con onestà, si può. Siamo in grado di costruire un paese migliore, e questa vicenda lo testimonia. Quando gli si imputa di aver commesso un’irregolarità, un rappresentante a 5 Stelle chiede spiegazioni, si sottopone a controlli, ci mette la faccia e se sbaglia, come ero pronto a fare, paga in prima persona. […] Ora si ricomincia, con tutto il Movimento che, nel momento del dubbio, si è dimostrato forte e compatto a sostenermi, dai comuni, alle altre Regioni a Roma. Cosa di cui ringrazio come persona e come amministratore. Anche perché, sono due cose che considero inscindibili”.

https://m.facebook.com/photo.php?fbid=723781131012712&set=a.175086499215514.46364.164514186939412&type=1

Annunci

INCONTRO GRILLO RENZI, LA BOMBA DI IMPOSIMATO

Chat
INCONTRO GRILLO RENZI, LA BOMBA DI IMPOSIMATO

di Ferdinando Imposimato

Di fronte all’offerta del leader del M5S, Il premier Renzi mostra imbarazzo. Prima pretende lo streaming, poi irride Grillo. In realtà Renzi non vuole interferenze nel patto occulto col pregiudicato Berlusconi. Varato l’Italicum, vuole cancellare il Senato e l’indipendenza della magistratura con la legge sulla responsabilità civile.

La legge elettorale è un groviglio che farà saltare l’intero sistema democratico, portando alla dittatura. Si avvera così , grazie a Renzi, il sogno di Berlusconi di un sistema elettorale , che sfoci nella elezione diretta del Capo dello stato. La legge elettorale, incoerente con la sentenza della Consulta, prevede un premio abnorme alla coalizione che supera il 37%, portando il vincitore al 55% dei seggi. In mancanza del 37%, andrebbero al ballottaggio le due coalizioni più votate, con la probabile esclusione del M5S, superato da FI, Lega, NCD e partiti minori, avvantaggiati dal controllo di TV pubbliche e private, grazie al conflitto di interessi che Renzi e i professoroni ignorano. Altro vulnus è l’assenza di preferenze . Con liste bloccate corte, tra tre e sei candidati si viola l’art 48 della Costituzione “Il voto é personale ed uguale e libero “. Il voto passa alle segreterie di partiti, penalizzando i partiti che vanno da soli.

Concludendo, una minoranza del 40 per cento di votanti , pari al 50 per cento degli aventi diritto al voto , e cioè al 20% degli italiani , privi di libertà, eserciterà un potere assoluto , con la falsa opposizione di Forza Italia e il perpetuarsi delle larghe intese , che controllano i mezzi di informazione . Abolito il Senato, con una sola Camera, tutte le riforme liberticide saranno possibili, anche quella presidenziale e della giustizia da sottoporre al controllo del Governo. Berlusconi propone un referendum sull’elezione diretta del Capo dello Stato nel silenzio di Renzi. Prima di approvare la legge elettorale al Senato, intervenga il Presidente della Repubblica, per le palesi violazioni della Carta. E ci pensino bene i parlamentari del Senato. Potrebbero favorire il ritorno di un condannato o cogliere l’occasione per rivelarsi capaci di salvare l’Italia dal regime. (Ferdinando Imposimato, Facebook)

http://it.m.wikipedia.org/wiki/Ferdinando_Imposimato

Il M5S mantiene le promesse fatte ai cittadini! Fondo per le IMPRESE!

Chat
Il M5S mantiene le promesse fatte ai cittadini! Fondo per le IMPRESE!

Accedi al Fondo per le Piccole e Medie Imprese

facilissimo

di Movimento 5  Stelle Valsamoggia

Non è una cosa così scontata in politica mantenere le promesse. Abbiamo sentito tantissimi politici promettere ai cittadini cose che poi non si sono mai realizzate. Sì, ormai sono più di vent’anni che le promesse non vengono mantenute. La “promessa” puo’ essere anche letta come “la parola data” di chi ti promette. L’avverasi della promessa produce in chiunque ne abbia un beneficio la speranza che le cose possono cambiare. Ebbene, le cose stanno cambiando e le promesse  sono state mantenute;

Non finisce qui, ora però vogliamo vedere i partiti tradizionali che sono espertissimi di politica fare altrettanto! 

Ecco tutte le istruzioni per accedere al prestito del Fondo PMI,

dove i parlamentari M5S versano l’eccedenza dello stipendio!
Fatelo sapere a tutti!

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/fondo-di-garanzia-per-le-pmi.html

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ CONTATTACI

 

Perché è impossibile rispettare il Fiscal Compact

Standard

Sul Fuscal Compact! Il conto alla rovescia é iniziato.

Keynes blog

di Giorgio Gattei e Antonino Iero, da Economia e Politica

debito-pubblico1L’economia italiana deve convivere con la presenza ingombrante di un debito pubblico che ha ormai superato il 130% del prodotto interno lordo. Non è l’unico e, forse, neanche il più grave dei problemi che assillano il nostro sistema produttivo. Tuttavia, vista la rigida dipendenza dai mercati finanziari che l’adesione alla moneta unica europea ci ha imposto, la questione del debito pubblico assume una valenza particolarmente importante poiché foriera di rilevanti ricadute su tutto il quadro economico nazionale (dalla solidità del sistema bancario al flusso di credito verso le imprese, fino al livello dei tassi di interesse applicati al sistema economico).

View original post 1.245 altre parole