Archivi categoria: Crespellano

Disastro NEVE; interrogazione dei Consiglieri Regionali M5S #valsamoggia #savigno

Chat

Interr REGIONE ok-001Interr REGIONE ok-002 Interr REGIONE ok-003 Interr REGIONE ok-004 Interr REGIONE ok-005

 

 

 

 

Annunci

UN’ALTRA LEGGE SALVABERLUSCONI… MA CHI L’HA FATTA ?

Standard

10933956_10152654563951545_4777284312193857378_n

Falso in bilancio: altro che reintrodurlo! L’ennesima manina di Renzi lascia tutto come prima !!!

“Dopo il “salva-Berlusconi” inserito dalla manina di Renzi nel decreto sulla delega fiscale, il M5S scopre un’altra vergognosa magagna governativa, questa volta in materia di falso in bilancio.
Nel 2005 Berlusconi cancellò, con un colpo di spugna, il reato di falso in bilancio. Il governo, sollecitato da più parti, in primis dal MoVimento 5 Stelle che da sempre chiede di reintrodurre questo reato, è stato costretto a correre ai ripari. O meglio, ha fatto finta di farlo, ma così non è. In un primo momento, attraverso il pacchetto anticorruzione in esame in Commissione Giustizia al Senato, la maggioranza aveva presentato un testo che conteneva modifiche all’attuale art. 2621 c.c. e reintroduceva il reato di falso in bilancio, inasprendo le pene fino a 6 anni. Ma soprattutto, andava ad eliminare quelle cause di non punibilità che all’epoca Berlusconi aveva introdotto per salvare Mediaset e che prevedevano chiaramente che chi falsifica il bilancio in misura inferiore al 5% del risultato economico di esercizio, cioè dell’utile d’impresa, o nella misura dell’1% del patrimonio netto, non è penalmente perseguibile. Fin qui tutto bene. Se non fosse, che all’improvviso, è spuntata la magica manina che ancora una volta ha cambiato le carte in tavola: con un emendamento presentato al testo base della Commissione, il governo ha mantenuto quelle cause di non punibilità che erano state introdotte da Berlusconi.
Risultato: Renzi andrà in tv a dire di aver reintrodotto il reato di falso in bilancio e di aver innalzato le pene per chi commette questo reato, ma la verità è che lascia intatta quella stessa depenalizzazione che ha permesso a Berlusconi e molti altri di farla franca. Con questa modifica si potrà impunemente continuare a falsificare i bilanci, basterà non superare il 5% dell’utile, esattamente come avviene oggi. Facciamo un esempio e consideriamo due imprese, una grande e una piccola. Se la grande impresa ha un utile netto di 1 miliardo di euro, può tranquillamente falsificare il bilancio fino a 50 milioni di euro (pari al 5% dell’utile netto) senza timore di essere penalmente perseguita; nel caso della piccola impresa che ha un utile netto di 100 mila euro, invece, basta un falso in bilancio di 5 mila euro per far scattare il reato. Come si vede, a trarne vantaggio saranno sempre i pesci grandi, che in questo modo potranno facilmente dar vita a fondi neri destinati ad alimentare la corruzione che solo a parole il Governo intende combattere. Se il governo avesse davvero voluto reintrodurre il falso in bilancio, avrebbe semplicemente dovuto eliminare queste cause di non punibilità (la soglia dell’1 e del 5%).
Di chi sarà stata questa volta la “manina“?”

M5S Parlamento

Liberarsi dalla DITTATURA EUROPEA!

Video
Liberarsi dalla DITTATURA EUROPEA!

Liberarsi

Giovedì 8 maggio ore 20.30 a Crespellano presso Palazzo Garagnani, parliamo di Europa con

Monia Benini giornalista e scrittrice.

Se conosci ti difendi, altrimenti si prendono gioco di te, se glielo PERMETTI!

 

I cittadini devono sapere cosa succede in Europa, chi comanda veramente e quale prospettiva abbiamo per il futuro. Non è più il tempo di delegare ad altri la gestione della nostra vita (politica).

L’Europa Unita è stato il sogno di più generazioni .

Finita la seconda guerra mondiale furono in molti a pensare che il miglior modo perché una simile tragedia non potesse ripetersi fosse stringere tutti i popoli europei intorno a un’idea, a un progetto comune, superando divisioni e rivalità…

Come sempre accade, nella storia, le oligarchie portatrici di interessi propri (economici e di potere) si sono impadronite del sogno e l’hanno sostituito con un loro progetto.
La vetrina luccicante resta quella degli ideali di amicizia, bene comune, identità di destino. Il negozio alle sue spalle, gestito da banchieri, carrieristi politici, logge, mafie, è pieno di merce tossica e avariata.

Fuor di metafora, questa oligarchia sta coscientemente trasformando i cittadini europei in sudditi, giocando proprio su quelle divisioni e quelle rivalità che l’unione avrebbe dovuto superare.

Sudditi poveri e poverissimi al sud, sudditi ricchi al nord.

Popoli senza più alcuna forza morale, senza più identità che non sia quella di plastica forgiata per vendere meglio le merci prodotte.
Come sempre accade le oligarchie sono destinate ad essere sconfitte dall’anima dei popoli, la cui prima arma è l’informazione.

Questo libro è una miniera di informazioni

Gli obblighi derivanti dai trattati, i retroscena degli avvenimenti più noti, le strategie della BCE e del Fondo Monetario Internazionale, il ruolo degli uomini e dei gruppi di pressione che si muovono nell’ombra. Perché la Grecia è stata distrutta, e perché l’Italia è incamminata sulla stessa strada. Le complicità della classe dirigente, gli intrecci fra affari e politica…e le menzogne per far credere senza ritorno la strada di questa Unione.

conferenza amonia monia ultima parola video monia

 

http://www.youtube.com/watch?v=UjgOI5kdDXM